Come i composti dell’uva possono aiutare a curare la depressione

Un nuovo studio svela il meccanismo mediante il quale i composti trovati nell’uva migliorano la resistenza allo stress nei topi e attenuano i cambiamenti cerebrali legati alla depressione.
uva

In una nuova ricerca, una combinazione di vari estratti di semi d’uva e di uva viene mostrato per ridurre la depressione indotta dallo stress.

Secondo l’Associazione d’ansia e depressione americana, il disturbo depressivo maggiore, o la depressione clinica , è ora “la principale causa di disabilità” tra le persone tra i 15 ei 44 anni negli Stati Uniti.

Ogni anno colpiscono oltre 16 milioni di adulti statunitensi. Questo è l’equivalente di circa il 6,7% della popolazione adulta del paese.

I trattamenti farmacologici convenzionali per la depressione non sono particolarmente efficaci. In effetti, gli autori del nuovo studio affermano che meno del 50 percento delle persone con diagnosi di depressione sperimentano una remissione temporanea della malattia.

La necessità di trattamenti alternativi è quindi terribile. Questo è il motivo per cui gli scienziati – guidati da Giulio Maria Pasinetti, un professore di neurologia presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai a New York City, NY – si sono proposti di studiare un percorso alternativo per il trattamento della depressione.

Questo percorso comporta l’effetto potenzialmente benefico dei composti derivati ​​dall’uva. Ricerche precedenti hanno dimostrato che i cosiddetti polifenoli dell’uva hanno una certa efficacia nella gestione del disturbo depressivo maggiore, ma i meccanismi precisi dietro questo non erano chiari.

Il nuovo studio del Prof. Pasinetti e del suo team spiega questo meccanismo. I ricercatori hanno testato l’effetto di un mix di tre polifenoli derivati ​​dall’uva nei topi e hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Nature Communications.

BDPP, infiammazione e plasticità sinaptica

La miscela utilizzata dai ricercatori è chiamata “preparazione polifenolica dietetica bioattiva” (BDPP), ed è composta da succo d’uva Concord , un estratto di semi d’uva e trans-resveratrolo.

Oltre a testare il BDPP, i ricercatori hanno anche testato l’effetto di due nuovi fitochimici derivati ​​dal metabolizzare il BDPP.

Il Prof. Pasinetti e il team hanno somministrato il BDPP a un gruppo di topi cronicamente stressati. Hanno scoperto che la preparazione ha migliorato la resistenza dei topi contro la depressione indotta dallo stress.

Nello specifico, il modo in cui il BDPP faceva ciò era modulando la plasticità delle sinapsi del cervello, o le connessioni tra i neuroni e modulando l’ infiammazione .

Precedenti esperimenti in cui i topi erano cronicamente stressati avevano dimostrato che “i meccanismi epigenetici e infiammatori giocano un ruolo importante nel mediare la resilienza e la suscettibilità alla depressione”.

Nello studio, il team dimostra come uno dei due nuovi fitochimici riduce i livelli di una sostanza proinfiammatoria e come l’altro interviene epigeneticamente per aumentare l’espressione dei geni, il che, a sua volta, promuove la plasticità sinaptica.

La nostra ricerca mostra che il trattamento di combinazione con i due composti può promuovere la resilienza contro i fenotipi simili alla depressione mediati dallo stress modulando le risposte infiammatorie sistemiche e la plasticità sinaptica cerebrale in un modello murino di depressione”.

Primo autore dello studio Jun Wang, Ph.D.

I ricercatori osservano che questa scoperta ci avvicina a un trattamento per i meccanismi alternativi di depressione, spesso ignorati – come l’infiammazione e il malfunzionamento delle sinapsi .

“Il nostro approccio per utilizzare un trattamento combinato di DHCA e Mal-gluc [i due fitochimici] per inibire simultaneamente l’infiammazione periferica e modulare la plasticità sinaptica nel cervello”, dice il Prof. Pasinetti, “lavora in sinergia per ottimizzare la resilienza contro la depressione cronica da stress -come fenotipi. ”

Continua: “La scoperta di questi nuovi composti polifenoli derivati ​​dall’uva naturali che prendono di mira le vie cellulari e molecolari associate all’infiammazione può fornire un modo efficace per trattare un sottogruppo di persone con depressione e ansia , una condizione che colpisce così tante persone”.

Selezioniamo questi articoli in base alla qualità dei prodotti ed elenchiamo i pro e i contro di ciascuno per aiutarti a determinare quale funzionerà meglio per te. Collaboriamo con alcune delle aziende che vendono questi prodotti, il che significa che Healthline UK e i nostri partner potrebbero ricevere una parte dei ricavi se si effettua un acquisto utilizzando un link (s) di cui sopra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...