Il sangue del drago di Komodo può portare a nuovi antibiotici. Farmajet news

Ogni anno, più di 23.000 persone negli Stati Uniti muoiono a causa di infezioni resistenti agli attuali antibiotici, evidenziando la necessità disperata di sviluppare nuovi farmaci antimicrobici. Un nuovo studio rivela come il sangue del drago di Komodo potrebbe aiutare a raggiungere questo obiettivo.
komodo

Il drago di Komodo potrebbe aiutare lo sviluppo di nuovi antibiotici.

Il coautore dello studio Monique van Hoek, della School of Systems Biology della George Mason University di Manassas, in Virginia, e il team hanno recentemente pubblicato le loro scoperte sulla rivista NPJ Biofilms and Microbiomes .

La resistenza agli antibiotici – con cui i microbi nocivi hanno sviluppato resistenza ai farmaci che li uccidevano una volta – è diventata una delle più grandi minacce odierne alla salute pubblica.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ogni anno almeno 2 milioni di persone negli Stati Uniti sono infettate da batteri resistenti ai farmaci e almeno 23.000 morti si verificano come risultato diretto.

Il batterio Clostridium difficile è una delle maggiori minacce, responsabile di circa 250.000 infezioni e 14.000 morti ogni anno.

Mentre l’uso eccessivo e inappropriato degli antibiotici sono fattori chiave della resistenza, il fatto che non siano stati sviluppati nuovi antibiotici negli ultimi 30 anni non ha aiutato; affidarsi agli stessi farmaci per così tanto tempo ha fornito ai microbi l’opportunità di evolversi e sfuggire alle grinfie di droghe che una volta li distruggevano.

Con l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che avverte che siamo in procinto di entrare in una “era post-antibiotica”, la gara sta per trovare nuovi antibiotici in grado di combattere le infezioni resistenti ai farmaci.

Il nuovo studio di van Hoek e colleghi si è rivolto ai draghi di Komodo come possibile fonte.

Ispirazione antibiotica dal drago di Komodo

Il drago di Komodo è una lucertola che può essere trovata in cinque isole indonesiane: Komodo, Rinca, Flores, Gili Motang e Padar.

È la più grande specie vivente di lucertola del mondo, capace di crescere fino a 10 piedi di lunghezza. Tuttavia, questa non è l’unica caratteristica che lo rende unico. Secondo van Hoek e la squadra, il rettile raramente si ammala, nonostante mangiando carne in decomposizione e possedendo la saliva che è ricca di batteri nocivi.

I ricercatori dicono che si tratta di un peptide trovato nel loro sangue chiamato VK25, che hanno isolato da un drago di Komodo che risiede nel parco zoologico di St. Augustine Alligator Farm in Florida.

Analizzando da vicino questo peptide, il team ha scoperto che possedeva proprietà antimicrobiche e aveva la capacità di prevenire i biofilm, che sono microrganismi che si uniscono per prosperare e proteggersi. Questi si trovano spesso nelle ferite.

I ricercatori hanno riorganizzato due aminoacidi presenti in VK25 con l’obiettivo di renderlo più efficace. Ciò ha portato allo sviluppo di una nuova versione sintetica del peptide, che hanno chiamato DRGN-1.

“Il peptide sintetizzato DRGN-1 non è un peptide naturale del drago di Komodo, è stato modificato per essere più forte in termini di potenza e stabilità”, osserva van Hoek.

DRGN-1 ha ucciso batteri resistenti agli antibiotici nei topi

Successivamente, il team ha testato il DRGN-1 sui topi con ferite infette da due ceppi di batteri resistenti agli antibiotici: Pseudomonas aeruginosa e Staphylococcus aureus .

Il peptide sintetico ha attaccato e distrutto il biofilm delle ferite, prima di uccidere i due ceppi batterici. Ciò ha portato ad un processo di guarigione delle ferite più veloce.

I ricercatori ora intendono testare il potenziale del DRGN-1 come un prodotto per la cura della ferita per uso topico per gli animali, ma sperano che il peptide possa portare a nuovi antibiotici per uso umano.

I peptidi di germi di combattimento sintetici sono un nuovo approccio per sconfiggere potenzialmente i batteri che sono diventati resistenti agli antibiotici convenzionali.I peptidi antimicrobici che stiamo sfruttando rappresentano milioni di anni di evoluzione nella protezione dei sistemi immunitari da infezioni pericolose.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...