Resistenza ai farmaci: queste cipolle potrebbero aiutarci a vincere la guerra?

La resistenza ai farmaci è emersa come una delle maggiori minacce alla salute pubblica, evidenziando l’estrema necessità di nuovi antibiotici e miglioramenti a quelli esistenti. Un nuovo studio potrebbe aver fatto un passo in avanti verso una tale impresa, dopo aver identificato un tipo di cipolla che può aiutare a curare la tubercolosi resistente ai farmaci.
cipollaI ricercatori hanno rivelato come la specie di cipollaAllium Stipitatumpossa aiutare a combattere la resistenza ai farmaci.

La resistenza ai farmaci, nota anche come resistenza antimicrobica, si verifica quando batteri, virus, parassiti o funghi che causano infezioni si evolvono per resistere a un farmaco che una volta li ha distrutti.

Purtroppo, un tale scenario sta diventando sempre più comune. Solo negli Stati Uniti, ci sono almeno 2 milioni di infezioni resistenti ai farmaci ogni anno e più di 23.000 persone muoiono a causa di queste infezioni.

La tubercolosi resistente alla droga (TB) è considerata una minaccia “grave” dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC). La TBC multiresistente in tutto il mondo – che è la TBC resistente ai due più potenti farmaci anti-TBC – colpisce oltre 480.000 persone ogni anno.

Inutile dire che vincere la lotta contro la TBC resistente alla droga rappresenterebbe un enorme passo in avanti nella lotta contro la resistenza ai farmaci nel suo complesso.

Il Dr. Sanjib Bhakta – dell’Istituto di Biologia Strutturale e Molecolare di Birkbeck, Università di Londra, Regno Unito – e colleghi ritengono che il loro nuovo studio potrebbe dare un grande contributo; il team ha identificato un numero di composti derivati ​​dalla cipolla che possono uccidere i batteri della tubercolosi.

“La natura è un chimico incredibilmente creativo”

I composti provengono da Allium Stipitatum , noto anche come lo scalogno persiano, che è un tipo di cipolla comunemente usato nella cucina iraniana. È anche noto per le sue proprietà antibatteriche , una caratteristica che ha attirato l’attenzione del dott. Bhakta e della sua squadra.

Per il loro studio, i ricercatori hanno migliorato queste proprietà antibatteriche sintetizzando vari composti presenti nel bulbo dello scalogno persiano.

Hanno quindi testato gli effetti di questi composti sintetizzati su vari batteri resistenti ai farmaci, tra cui Mycobacterium tuberculosis , che è la specie batterica che causa la tubercolosi.

Il team ha scoperto che i composti hanno mostrato effetti inibitori nei confronti di Escherichia coli , Staphylococcus aureus multiresistente , Klebsiella pneumoniae e Proteus mirabilis .

Il composto sintetizzato più promettente, tuttavia, è stato trovato per inibire la crescita di M. tuberculosis del 99,9 percento.

Sulla base di questi risultati, il Dr. Bhakta – che ha co-diretto lo studio – e colleghi suggeriscono che i composti derivati ​​dalla cipolla possono aiutare a combattere le infezioni resistenti ai farmaci.

Nella ricerca di nuovi antibatterici, tendiamo a concentrarci su molecole che sono abbastanza potenti da essere sviluppate commercialmente come nuove sostanze farmaceutiche da soli, ma in questo studio dimostriamo che inibendo le principali proprietà di resistenza intrinseca della TB, si potrebbe aumentare gli effetti del trattamento antibiotico esistente e invertire la tendenza della resistenza ai farmaci già esistente. ”

Dr. Sanjib Bhakta

“I prodotti naturali di piante e microbi hanno un enorme potenziale come fonte di nuovi antibiotici”, aggiunge il co-leader di studio Prof. Simon Gibbons, dell’University College di Londra nel Regno Unito. “La natura è un chimico incredibilmente creativo ed è probabile che piante come lo scalogno persiano producano queste sostanze chimiche come difesa contro i microbi nel loro ambiente”.

Nelle ricerche future, il team spera di identificare altri composti naturali che potrebbero aiutare ad affrontare i batteri resistenti ai farmaci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...