L’anticorpo riduce le metastasi ossee “100 volte”

FARMAJET NEWS
Un team di scienziati ha progettato una nuova arma da utilizzare nella guerra contro le metastasi ossee. I risultati iniziali sono stati recentemente pubblicati e sono molto promettenti.

Se il cancro si diffonde alle ossa, può essere particolarmente difficile da trattare.

La maggior parte delle morti per cancro non sono dovute al tumore iniziale; sono dovuti a tumori secondari che si sviluppano in altre parti del corpo. Questi sono chiamati metastasi.

A volte, il cancro entra nelle ossa. Infatti, in uno stadio avanzato del cancro al seno , circa il 70% dei pazienti presenta metastasi ossee. Ciò aumenta il rischio di dolore osseo, fratture e altri eventi potenzialmente letali.

Una volta che il cancro ha messo radici nell’osso, può essere molto difficile da combattere. I trattamenti attuali non funzionano particolarmente bene; vengono con una serie di effetti collaterali indesiderati e il cancro può diventare resistente a loro .

È stato speso molto tempo per cercare di capire come si diffonde il cancro, come si installa in altri tessuti e come può essere fermato o rallentato. Yibin Kang e il suo team di ricercatori della Princeton University nel New Jersey sono coinvolti in questo sforzo.

L’autore dello studio principale Hanqiu Zheng, ex collega postdottorato con Kang, spiega il focus del team, dicendo: “Il Kang Lab studia principalmente le metastasi del cancro al seno – come le cellule tumorali si diffondono dal seno ad altri organi – perché ciò che uccide la stragrande maggioranza dei malati di cancro è non il tumore originale , ma piuttosto le metastasi. ”

Il loro recente studio si è concentrato in particolare sulle metastasi ossee e sul modo in cui le cellule tumorali comunicano con le cellule ossee.

Rebecca Tang, anche nella squadra di Kang, spiega: “Precedenti lavori in laboratorio avevano dimostrato che una molecola chiamata Jagged1 è una parte fondamentale di questa diafonia e rende più facile per le cellule di cancro al seno metastatizzare fino alle ossa”.

“Pertanto, volevamo vedere se potevamo prevenire o ridurre le metastasi usando un anticorpo chiamato 15D11 per bloccare Jagged1”, aggiunge.

I loro risultati sono stati pubblicati questo mese sulla rivista Cancer Cell .

Studiare la comunicazione tra cancro e ossa

Nelle ossa sane, c’è un flusso e riflusso costante: l’osso viene rimosso dagli osteoclasti e ricostruito dagli osteoblasti. Questa costante rigenerazione significa che il tessuto osseo è sempre sano e pienamente funzionante.

Ma nel cancro alle ossa , questo normale processo è dirottato. Gli osteoclasti possono essere indotti a distruggere troppe ossa, o gli osteoblasti possono essere indotti a riparare le cellule tumorali ea proteggerle dalla chemioterapia . La recente indagine è stata particolarmente interessata al ruolo molecolare degli osteoblasti nelle metastasi ossee.

“I tumori si nascondono essenzialmente nelle culle degli osteoblasti”, dice Kang.

Hanno scoperto che quando il 15D11 veniva somministrato insieme alla chemioterapia, funzionava meglio di entrambi i trattamenti. È interessante notare che il team aveva inizialmente pensato che l’anticorpo avrebbe funzionato solo contro i tumori con un’alta espressione di Jagged1, ma anche quelli con bassa espressione di Jagged1 erano ridotti.

La chemioterapia standard di solito smette di funzionare quando Jagged1 inizia a essere prodotto dagli osteoblasti; il tumore usa efficacemente Jagged1 come scudo. Specificando specificamente Jagged1, 15D11 distrugge questo scudo e la chemioterapia può continuare a funzionare.

Jagged1 in un modello di topo

Per approfondire ulteriormente questa relazione, Kang e il suo team hanno usato un modello di topo geneticamente modificato che esprime Jagged1 nelle cellule ossee. Questo ceppo è particolarmente sensibile alla crescita del cancro al seno nelle loro ossa.

Gli esperimenti con i topi hanno confermato i risultati iniziali: i topi trattati con 15D11 e chemioterapia sono risultati migliori rispetto a quelli trattati con entrambi i trattamenti. In un esperimento, il tumore osseo si è ridotto di oltre 100 volte dopo aver ricevuto entrambi i farmaci.

Questa è una risposta straordinaria che non abbiamo mai osservato in nessuno dei nostri precedenti test sugli agenti terapeutici contro le metastasi ossee nei topi.”

Yibin Kang

Sebbene questo studio abbia studiato solo il cancro al seno all’interno dell’osso, i ricercatori ritengono che questo metodo potrebbe funzionare per altri tipi di tumore che metastatizzano fino all’osso, come il cancro alla prostata .

Il prossimo passo sarà portare questa ricerca alle prove umane. Kang spera che questo sia un processo relativamente veloce perché il 15D11 è “completamente umano”, essendo stato generato in un “topo umanizzato”.

A causa del fatto che le metastasi ossee sono così difficili da trattare, qualsiasi nuovo target o intervento farmacologico è stato accolto con gratitudine. Speriamo che, in un futuro non troppo lontano, il 15D11 entrerà nei ranghi nella lotta contro il cancro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...