Cosa devi sapere sul cancro al seno. Farmajet news

 

Il cancro al seno è il tumore invasivo più comune nelle donne e la seconda causa principale di morte per cancro nelle donne dopo il cancro del polmone.

I progressi nello screening e nel trattamento hanno aumentato drasticamente i tassi di sopravvivenza dal 1989. Ci sono circa 3,1 milioni di sopravvissuti al cancro al seno negli Stati Uniti (USA). La possibilità che una donna muoia di cancro al seno è di circa 1 su 37, pari al 2,7 percento.

Nel 2017, circa 252, 710 nuove diagnosi di cancro al seno sono previste per le donne e circa 40.610 donne muoiono probabilmente per questa malattia.

La consapevolezza dei sintomi e la necessità di screening sono modi importanti per ridurre il rischio.

Il cancro al seno può colpire anche gli uomini , ma questo articolo si concentrerà sul cancro al seno nelle donne.

Fatti veloci sul cancro al seno:Ecco alcuni punti chiave sul cancro al seno. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Il cancro al seno è il più comune cancro tra le donne.
  • I sintomi includono un nodulo o ispessimento del seno e cambiamenti alla pelle o al capezzolo.
  • I fattori di rischio possono essere genetici, ma alcuni fattori dello stile di vita, come l’assunzione di alcol, rendono più probabile che accada.
  • È disponibile una vasta gamma di trattamenti, tra cui chirurgia, radioterapia e chemioterapia .
  • Molti noduli al seno non sono cancerosi, ma ogni donna che si preoccupa di un nodulo o di un cambiamento dovrebbe consultare un medico.

Sintomi

I primi sintomi del cancro al seno sono di solito una zona di tessuto ispessito nel seno, o un nodulo al seno o sotto l’ascella.

seno1

Una diagnosi precoce del cancro al seno aumenta le possibilità di recupero.

Altri sintomi includono:

  • un dolore alle ascelle o al seno che non cambia con il ciclo mensile
  • vaiolatura o arrossamento della pelle del seno, come la pelle di un’arancia
  • un’eruzione intorno o su uno dei capezzoli
  • uno scarico da un capezzolo, possibilmente contenente sangue
  • un capezzolo incavato o capovolto
  • un cambiamento delle dimensioni o della forma del seno
  • peeling, desquamazione o desquamazione della pelle sul seno o sul capezzolo

La maggior parte dei grumi non è cancerosa, ma le donne dovrebbero farli controllare da un operatore sanitario.

fasi

Il cancro viene organizzato in base alle dimensioni del tumore e se si è diffuso ai linfonodi o in altre parti del corpo.

Esistono diversi modi di stadiazione del tumore al seno. Un modo è dallo stadio 0 al 4, ma questi possono essere suddivisi in fasi più piccole.

Stadio 0 : noto come carcinoma duttale in situ (DCIS), le cellule sono limitate all’interno di un condotto e non hanno invaso i tessuti circostanti.

Fase 1 : all’inizio di questa fase, il tumore ha una larghezza massima di 2 centimetri (cm) e non ha interessato alcun linfonodo.

Fase 2 : il tumore ha un diametro di 2 cm e ha iniziato a diffondersi ai nodi vicini.

Stadio 3 : il tumore ha una larghezza massima di 5 cm e può essersi diffuso in alcuni linfonodi.

Fase 4 : il tumore si è diffuso in organi distanti, specialmente nelle ossa, nel fegato, nel cervello o nei polmoni.

Le cause

Dopo la pubertà , il seno di una donna consiste di grasso, tessuto connettivo e migliaia di lobuli, piccole ghiandole che producono latte per l’allattamento al seno. Tubi piccoli, o condotti, portano il latte verso il capezzolo.

Nel cancro, le cellule del corpo si moltiplicano in modo incontrollabile. È l’eccessiva crescita cellulare che causa il cancro.

Il cancro al seno di solito inizia nel rivestimento interno dei condotti del latte o dei lobuli che li riforniscono di latte. Da lì, può diffondersi in altre parti del corpo.

Fattori di rischio

La causa esatta rimane poco chiara, ma alcuni fattori di rischio lo rendono più probabile. Alcuni di questi sono prevenibili.

1. Età

Il rischio aumenta con l’età. A 20 anni, la possibilità di sviluppare il cancro al seno nel prossimo decennio è dello 0,6 per cento . All’età di 70 anni, questa cifra sale al 3,84 per cento.

2. Genetica

Se un parente stretto ha o ha avuto, il cancro al seno, il rischio è più alto.

Le donne che portano i geni BRCA1 e BRCA2 hanno un rischio più elevato di sviluppare carcinoma mammario, cancro ovarico o entrambi. Questi geni possono essere ereditati. TP53 è un altro gene che è collegato a un maggior rischio di cancro al seno.

3. Una storia di cancro al seno o noduli al seno

Le donne che hanno avuto un cancro al seno prima hanno maggiori probabilità di averlo di nuovo, rispetto a quelli che non hanno una storia della malattia.

Avere alcuni tipi di noduli al seno benigni o non cancerogeni aumenta la possibilità di sviluppare il cancro in seguito. Gli esempi includono iperplasia duttale atipica o carcinoma lobulare in situ.

4. Tessuto mammario denso

Il cancro al seno è più probabile che si sviluppi nel tessuto mammario ad alta densità.

5. Esposizione agli estrogeni e allattamento al seno

Essere esposti agli estrogeni per un periodo più lungo sembra aumentare il rischio di cancro al seno.

Questo potrebbe essere dovuto all’inizio di periodi precedenti o entrare in menopausa dopo la media. Tra questi tempi, i livelli di estrogeni sono più alti.

L’allattamento al seno, specialmente per oltre 1 anno, sembra ridurre la possibilità di sviluppare il cancro al seno, probabilmente perché la gravidanza seguita dall’allattamento al seno riduce l’esposizione agli estrogeni.

6. Peso corporeo

Le donne che sono in sovrappeso o che hanno obesità dopo la menopausa possono avere un rischio più elevato di sviluppare il cancro al seno, probabilmente a causa di livelli più elevati di estrogeni. Anche l’assunzione di zuccheri alti può essere un fattore.

7. Consumo di alcol

Un più alto tasso di consumo regolare di alcol sembra giocare un ruolo. Gli studi hanno dimostrato che le donne che consumano più di 3 bevande al giorno hanno un rischio 1,5 volte più elevato.

8. Esposizione alle radiazioni

Sottoporsi a trattamento con radiazioni per un tumore che non è il cancro al seno aumenta il rischio di cancro al seno più tardi nella vita.

9. Trattamenti ormonali

L’uso della terapia ormonale sostitutiva (HRT) e delle pillole anticoncezionali orali è stato collegato al cancro al seno, a causa dell’aumento dei livelli di estrogeni.

10. Pericoli professionali

Nel 2012, i ricercatori hanno concluso che l’esposizione a determinati agenti cancerogeni e interferenti endocrini, ad esempio sul luogo di lavoro, potrebbe essere collegata al cancro al seno.

Nel 2007, gli scienziati hanno suggerito che i turni notturni di lavoro potrebbero aumentare il rischio di cancro al seno, ma ricerche più recenti concludono che ciò è improbabile.

Protesi cosmetiche e sopravvivenza del cancro al seno

Le donne con protesi mammarie cosmetiche a cui viene diagnosticato un cancro al seno hanno un rischio più elevato di morire dalla malattia e una probabilità maggiore del 25% di essere diagnosticate in una fase successiva, rispetto alle donne senza protesi.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli impianti mascherano il cancro durante lo screening o perché gli impianti provocano cambiamenti nel tessuto mammario. Sono necessarie ulteriori ricerche

tipi

Il cancro al seno può essere:

  • Carcinoma duttale: inizia nel condotto del latte ed è il tipo più comune.
  • Carcinoma lobulare: inizia nei lobuli.

Il carcinoma mammario invasivo si verifica quando le cellule tumorali escono dall’interno dei lobuli o dei dotti e invadono il tessuto vicino, aumentando la possibilità di diffondersi in altre parti del corpo.

Il carcinoma mammario non invasivo si verifica quando il tumore è ancora all’interno del suo luogo di origine e non si è sviluppato. Tuttavia, queste cellule possono eventualmente svilupparsi in carcinoma mammario invasivo.

Il cancro al seno può colpire anche gli uomini, ma è meno comune negli uomini che nelle donne.

Diagnosi

Una diagnosi si verifica spesso come risultato di uno screening di routine o quando una donna si avvicina al proprio medico dopo aver rilevato i sintomi.

Alcuni test e procedure diagnostiche aiutano a confermare una diagnosi.

Esame del.seno

Il medico controllerà il seno del paziente per grumi e altri sintomi.

Al paziente verrà chiesto di sedersi o stare in piedi con le braccia in posizioni diverse, come sopra la testa e lungo i fianchi.

Test di imaging

Una mammografia è un tipo di raggi x comunemente usato per lo screening iniziale del carcinoma mammario. Produce immagini che possono aiutare a rilevare eventuali grumi o anomalie.

Un risultato sospetto può essere seguito da un’ulteriore diagnosi. Tuttavia, la mammografia a volte mostra un’area sospetta che non è un cancro. Questo può portare a stress inutili ea volte interventi.

Un’ecografia può aiutare a distinguere tra una massa solida o una cisti piena di liquido .

Una risonanza magnetica comporta l’iniezione di una sostanza colorante nel paziente, quindi scopri fino a che punto il tumore si è diffuso.

Biopsia

Un campione di tessuto viene rimosso chirurgicamente per l’analisi di laboratorio. Questo può mostrare se le cellule sono cancerose e, in tal caso, quale tipo di cancro è, anche se il cancro è o meno sensibile agli ormoni.

La diagnosi comporta anche la stadiazione del cancro, per stabilire:

  • la dimensione di un tumore
  • quanto si è diffuso
  • se è invasivo o non invasivo
  • se ha metastasi, o diffuso in altre parti del corpo

La stadiazione influenzerà le possibilità di recupero e aiuterà a decidere le migliori opzioni di trattamento.

Trattamento

Il trattamento dipenderà da:

seno3

La chemioterapia può essere un’opzione per il cancro al seno.

  • il tipo di cancro al seno
  • il palcoscenico del cancro
  • sensibilità agli ormoni
  • l’età del paziente, la salute generale e le preferenze

Le opzioni principali includono:

  • radioterapia
  • chirurgia
  • terapia biologica o terapia farmacologica mirata
  • terapia ormonale
  • chemioterapia

I fattori che influenzano la scelta includeranno la fase del cancro, altre condizioni mediche e le preferenze individuali.

Chirurgia

Se è necessario un intervento chirurgico, la scelta dipenderà dalla diagnosi e dall’individuo.

Lumpectomy : rimuovere il tumore e un piccolo margine di tessuto sano intorno ad esso può aiutare a prevenire la diffusione del cancro. Questa può essere un’opzione se il tumore è piccolo e può essere facilmente separato dal tessuto circostante.

Mastectomia : semplice mastectomia comporta la rimozione di lobuli, dotti, tessuto adiposo, capezzolo, areola e un po ‘di pelle. La mastectomia radicale rimuove anche il muscolo dalla parete toracica e dai linfonodi dell’ascella.

Biopsia del linfonodo sentinella : la rimozione di un linfonodo può arrestare la diffusione del cancro, perché se il cancro al seno raggiunge un linfonodo, può diffondersi ulteriormente attraverso il sistema linfatico in altre parti del corpo.

Dissezione linfonodale ascellare : se ci sono cellule tumorali su un nodo chiamato linfonodo sentinella, il chirurgo può raccomandare di rimuovere diversi linfonodi nell’ascella per prevenire la diffusione della malattia.

Ricostruzione : dopo la chirurgia del seno, la ricostruzione può ricreare il seno in modo che sembri simile all’altro seno. Questo può essere fatto contemporaneamente a una mastectomia o in una data successiva. Il chirurgo può utilizzare una protesi mammaria o un tessuto proveniente da un’altra parte del corpo del paziente.

Radioterapia

Le dosi controllate di radiazioni sono mirate al tumore per distruggere le cellule tumorali. Utilizzato da circa un mese dopo l’intervento chirurgico, insieme alla chemioterapia, può uccidere tutte le cellule tumorali rimanenti.

Ogni sessione dura alcuni minuti e il paziente può aver bisogno di 3-5 sedute a settimana per 3-6 settimane, a seconda dell’obiettivo e dell’entità del tumore.

Il tipo di tumore al seno determinerà quale tipo di radioterapia, se presente, è più adatto.

Gli effetti collaterali includono affaticamento , linfedema , oscuramento della pelle del seno e irritazione della pelle del seno.

Chemioterapia

Farmaci noti come farmaci citotossici possono essere utilizzati per uccidere le cellule tumorali, se esiste un alto rischio di recidiva o diffusione. Questo è chiamato chemioterapia adiuvante.

Se il tumore è grande, la chemioterapia può essere somministrata prima dell’intervento per ridurre il tumore e facilitarne la rimozione. Questo è chiamato chemioterapia neo-adiuvante.

La chemioterapia può anche trattare il cancro che ha metastasi, o diffondersi ad altre parti del corpo, e può ridurre alcuni sintomi, specialmente nelle fasi successive.

Può essere usato per ridurre la produzione di estrogeni, in quanto gli estrogeni possono favorire la crescita di alcuni tumori al seno.

Gli effetti avversi comprendono nausea, vomito, perdita di appetito, affaticamento, infiammazione della bocca, perdita di capelli e una lieve suscettibilità alle infezioni. I farmaci possono aiutare a controllare molti di questi.

Terapia di blocco ormonale

La terapia di blocco ormonale viene utilizzata per prevenire la recidiva nei tumori al seno ormono-sensibili. Questi sono spesso definiti come cancri positivi per il recettore dell’estrogeno (ER) e del recettore del progesterone (PR).

La terapia di blocco ormonale viene normalmente utilizzata dopo l’intervento chirurgico, ma a volte può essere utilizzata in anticipo per ridurre il tumore.

Potrebbe essere l’unica opzione per i pazienti che non possono sottoporsi a chirurgia, chemioterapia o radioterapia.

Gli effetti normalmente durano fino a 5 anni dopo l’intervento. Il trattamento non avrà alcun effetto sui tumori che non sono sensibili agli ormoni.

Esempi inclusi:

  • tamoxifene
  • inibitori dell’aromatasi
  • ablazione ovarica o soppressione
  • un agonista dell’ormone che rilascia l’ormone luteinizzante (LHRHa) chiamato Goserelin, per sopprimere le ovaie

La terapia ormonale può influire sulla fertilità futura di una donna.

Trattamento biologico

I farmaci mirati distruggono specifici tipi di cancro al seno. Gli esempi includono trastuzumab (Herceptin), lapatinib (Tykerb) e bevacizumab (Avastin). Questi farmaci sono tutti usati per scopi diversi.

I trattamenti per la mammella e altri tumori possono avere gravi effetti avversi.

Il paziente deve discutere con un medico i rischi coinvolti e i modi per minimizzare gli effetti negativi, al momento di decidere sul trattamento.

prospettiva

Con il trattamento, una donna che riceve una diagnosi di carcinoma mammario allo stadio 0 o allo stadio 1 ha quasi il 100% di probabilità di sopravvivere per almeno 5 anni.

Se la diagnosi viene fatta nella fase 4, la possibilità di sopravvivere per altri 5 anni è di circa il 22%.

Controlli e controlli regolari possono aiutare a rilevare i sintomi in anticipo. Le donne dovrebbero discutere le loro opzioni con un medico.

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire il cancro al seno, ma alcune decisioni sullo stile di vita possono ridurre significativamente il rischio di cancro al seno e di altro tipo.

Questi includono:

  • evitando il consumo eccessivo di alcol
  • seguendo una dieta sana con abbondanza di frutta e verdura fresca
  • fare abbastanza esercizio
  • mantenere un indice di massa corporea sano ( BMI )

Le donne dovrebbero riflettere attentamente sulle loro opzioni per l’allattamento e l’uso della terapia ormonale sostitutiva in seguito alla menopausa, in quanto possono influenzare il rischio.

La chirurgia preventiva è un’opzione per le donne ad alto rischio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...