Toxoplasmosi: cause, sintomi e trattamento

La malattia toxoplasmosi è causata da un’infezione da un parassita chiamato Toxoplasma gondii . Solo negli Stati Uniti, oltre 60 milioni di persone possono ospitare l’infezione.

La toxoplasmosi spesso causa sintomi simil-influenzali, sebbene possa portare a complicazioni più gravi come l’ encefalite e le menomazioni dello sviluppo.

Le donne incinte e le persone con un sistema immunitario compromesso corrono un rischio maggiore di sviluppare gravi complicazioni di salute con la toxoplasmosi.

Contenuto di questo articolo:

  1. Cause, sintomi e complicanze della toxoplasmosi
  2. Diagnosi, trattamento e prevenzione della toxoplasmosi

Vedrete anche delle introduzioni alla fine di alcune sezioni per gli sviluppi recenti che sono stati trattati dalle notizie di MNT . Controlla anche i collegamenti alle informazioni sulle condizioni correlate.

  • Più di 60 milioni di americani possono ospitare un’infezione da toxoplasmosi
  • Le persone con il più alto rischio di sviluppare una grave infezione includono donne in gravidanza e individui immunocompromessi
  • Mentre la maggior parte degli individui affetti da toxoplasmosi rimane asintomatica, alcuni possono sviluppare sintomi simil-influenzali
  • Le convulsioni e l’encefalite sono più comunemente sperimentate da persone con un sistema immunitario indebolito – in particolare, persone che vivono con l’ HIV e l’ AIDS
  • Se un bambino ha la toxoplasmosi congenita, può sviluppare in questo modo perdita dell’udito , disabilità mentali e cecità.

Cause di toxoplasmosi

toxoplasmosi

La toxoplasmosi può essere contratta congenitamente e attraverso il contatto con le feci di gatto.

La contrazione di un’infezione con il parassita Toxoplasma gondii può verificarsi nei seguenti modi:

  • Consumare cibi poco cotti o contaminati
  • Consumare cibi preparati con coltelli contaminati, utensili o taglieri
  • Esposizione orale a feci di gatto infette attraverso la pulizia di una lettiera, il giardinaggio, il contatto o l’ingestione di qualcosa che è stato esposto a feci di gatto infette
  • Trasmissione da madre a figlio (congenita)
  • Consumare frutta e verdura non lavate
  • Bere acqua contaminata
  • Non lavarsi le mani correttamente dopo aver maneggiato carne poco cotta e contaminata
  • In rare circostanze, ricevere un organo o sangue infetto.

Tutti sono a rischio di contrarre la toxoplasmosi. Tuttavia, quelli a più alto rischio di contrarre la toxoplasmosi e sviluppare una grave infezione includono donne in gravidanza e coloro che possono essere immunocompromessi; questo include persone con AIDS, riceventi il ​​trapianto di organi e persone che ricevono farmaci chemioterapici o immunosoppressivi.

Sintomi di toxoplasmosi

Mentre la maggior parte degli individui affetti non sono sintomatici, alcuni possono sviluppare sintomi simil-influenzali come:

toxoplasmosi2

Le persone con un sistema immunitario compromesso possono essere più suscettibili alle complicanze della toxoplasmosi.

  • Dolori muscolari
  • Linfonodi ingrossati
  • Mal di testa
  • Febbre
  • Fatica .

Questi sintomi possono essere presenti per un mese o più.

Coloro che sono immunocompromessi, come le persone con HIV o AIDS, i pazienti chemioterapici e i pazienti sottoposti a trapianto di organi, possono sperimentare la riattivazione di una precedente infezione con il parassita. Possono anche sviluppare sintomi come mal di testa, confusione, scarsa coordinazione, convulsioni, infezioni polmonari e visione sfocata causata dalla toxoplasmosi oculare.

La toxoplasmosi oculare può verificarsi in chiunque sia affetto da toxoplasmosi e può presentare sintomi oculari quali diminuzione della vista, visione offuscata, arrossamento, dolore – specialmente se esposti a luce intensa – e lacrimazione.

La trasmissione congenita del parassita si verifica quando una donna è infetta durante la gravidanza. Sebbene molte infezioni che si verificano all’inizio della gravidanza si traducano in una perdita di gravidanza, i bambini che nascono con il parassita presentano in genere convulsioni, ingrossamento della milza e del fegato, ittero e infezioni oculari gravi.

Molto spesso, i bambini non sono sintomatici alla nascita. Molti continuano a sviluppare sintomi di toxoplasmosi, tuttavia, come perdita dell’udito, disabilità mentali o infezioni agli occhi.

Complicazioni di toxoplasmosi

Le complicanze dello sviluppo di un’infezione da toxoplasmosi dipendono dalla tua età e dallo stato di salute.

Individui sani: in genere, individui sani con un sistema immunitario sano non subiscono conseguenze a lungo termine per la salute. Alcuni potrebbero avere infezioni agli occhi, tuttavia. Cecità può verificarsi in infezioni oculari non trattate.

Soggetti immunocompromessi: convulsioni ed encefalite sono più comunemente sperimentate in individui con sistemi immunitari indeboliti come le persone che vivono con l’HIV o l’AIDS.

Bambini: se un bambino ha una toxoplasmosi congenita, può sviluppare complicanze quali perdita dell’udito, disabilità mentali e cecità come risultato di questa infezione parassitaria.

Test e diagnosi di toxoplasmosi

Se si sospetta una infezione da toxoplasmosi, è possibile ordinare esami del sangue per diagnosticare l’infezione e determinare se sia stata o meno causata da un’infezione recente.

Le donne in gravidanza che sono infette da toxoplasmosi possono sottoporsi a ulteriori test diagnostici, tra cui un’amniocentesi e un’ecografia per un’ulteriore valutazione.

L’amniocentesi determinerà la presenza del parassita mentre l’ecografia valuterà per qualsiasi segno della condizione. Casi gravi di toxoplasmosi che provocano l’encefalite possono richiedere una risonanza magnetica cerebrale (risonanza magnetica) o biopsia cerebrale.

Trattamenti per la toxoplasmosi

toxoplasmosi3

La toxoplasmosi viene in genere diagnosticata con un esame del sangue. Le donne in gravidanza possono richiedere ulteriori test, tuttavia.

La toxoplasmosi non richiede sempre un trattamento, soprattutto in individui sani.

In alcune situazioni, tuttavia, come con le donne in gravidanza o con coloro che sono immunocompromessi, si può consigliare farmaci per ridurre la gravità dell’infezione da toxoplasmosi.

Individui sintomatici sani: il medico può raccomandare il trattamento con farmaci come la pirimetamina (Daraprim) e la sulfadiazina. Si può raccomandare l’ assunzione di acido folico durante il trattamento, poiché la pirimetamina può inibire l’ assorbimento dei folati . Ulteriori effetti collaterali del farmaco comprendono la soppressione del midollo osseo e la tossicità epatica.

Quelli con HIV o AIDS: il regime di trattamento per chi vive con HIV o AIDS comporta una delle due opzioni: prendere la pirimetamina con sulfadiazina o clindamicina (Cleocin). La clindamicina nella seconda opzione terapeutica può, tuttavia, causare grave diarrea . La terapia può essere permanente in determinate situazioni.

Donne incinte e neonati: l’ antibiotico spiramicina può essere raccomandato in caso di gravidanza, infezione da toxoplasmosi e il bambino non è infetto. Questo trattamento è attualmente sperimentale negli Stati Uniti, tuttavia.

Se il tuo feto è infetto da toxoplasmosi, il trattamento con pirimetamina e sulfadiazina è in genere raccomandato, sebbene il suo uso sia riservato per il trattamento di casi estremi di infezione e dopo 16 settimane di gravidanza a causa del potenziale effetto grave della madre e del feto. Una volta nati, i bambini possono essere trattati con un regime compreso pirimetamina, sulfadiazina e acido folico.

Prevenzione della toxoplasmosi

I passaggi che possono essere presi per ridurre il rischio di contrarre la toxoplasmosi includono:

toxoplasmosi4

Le feci di gatto possono contenere il parassita responsabile della toxoplasmosi e quindi bisogna fare attenzione quando si svuotano e puliscono i cestini dei rifiuti.

  • Indossare guanti protettivi quando si fa giardinaggio o si tocca terra
  • Lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il giardinaggio o toccando terra
  • Evitare di consumare carne cruda o poco cotta e frutti di mare (in particolare agnello, maiale, manzo, ostriche, vongole e cozze)
  • Congelare la carne a temperature inferiori allo zero (0 ° F) per diversi giorni prima della cottura
  • Lavare bene gli utensili da cucina ed evitare la contaminazione incrociata degli alimenti
  • Lavare frutta e verdura; buccia le bucce dopo il lavaggio
  • Evitare il consumo di latte non pastorizzato (in particolare latte di capra)
  • Sandbox di copertura
  • Insegnare ai bambini una buona igiene delle mani
  • Evitare gatti randagi e gattini
  • Tenere i gatti in casa ed evitare di dar loro da mangiare carne cruda.

Se devi cambiare la lettiera di un gatto, prendila ogni giorno, indossa guanti e una maschera protettiva. Lavati sempre le mani dopo aver pulito una lettiera.

Se sei a rischio maggiore di toxoplasmosi – se sei incinta, ad esempio – potrebbe essere consigliabile che qualcun altro pulisca la lettiera del tuo gatto se ne hai uno.

Sviluppi recenti sulla toxoplasmosi da notizie MNTLe persone con disturbo di “rabbia” hanno il doppio delle probabilità di avere la toxoplasmosi

Un disturbo che induce l’individuo a volare fuori dalla maniglia inaspettatamente, come nella rabbia della strada, è stato significativamente legato alla toxoplasmosi, un parassita comunemente associato alle feci di gatto, secondo il Journal of Clinical Psychiatry .

Un quinto dei casi di schizofrenia ‘può essere attribuibile all’infezione da T. gondii’

Un parassita responsabile della toxoplasmosi – Toxoplasma gondii – potrebbe essere coinvolto nella causa di circa un quinto dei casi di schizofrenia negli Stati Uniti. Questo è secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Preventive Veterinary Medicine .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...