Ortica: un nuovo approccio al cancro

Un approccio innovativo al trattamento del cancro utilizza un composto trovato nelle ortiche. Mentre sono i primi giorni, il nuovo trattamento potrebbe offrire trattamenti per il cancro più efficaci e più specifici.
ortica1

Un composto trovato in ortiche può aiutare nella lotta contro il cancro.

Un farmaco a base di platino chiamato cisplatino è spesso usato nella lotta contro il cancro . Sebbene possa essere efficace, ci sono carenze significative.

Nel corso del tempo, molti tumori diventano resistenti al farmaco e la sua capacità di uccidere le cellule tumorali diminuisce.

Un altro problema è che gli attacchi di cisplatino sono sani così come le cellule cancerose, portando a una serie di effetti collaterali.

Per questi e altri motivi, vengono continuamente ricercati trattamenti per il cancro più efficienti.

I ricercatori dell’Università di Warwick nel Regno Unito hanno recentemente studiato un nuovo composto per valutare se potrebbe essere utile nella lotta contro il cancro, in particolare il cancro ovarico e il cancro alla prostata .

Il Prof. Peter Sadler, un chimico farmaceutico dell’Università di Warwick, spiega la loro attenzione, dicendo: “I composti di platino sono i farmaci più utilizzati per la chemioterapia del cancro , ma dobbiamo urgentemente rispondere alle sfide di eludere la resistenza e gli effetti collaterali”.

“Il nostro laboratorio”, continua, “è incentrato sulla scoperta di farmaci antitumorali davvero innovativi che possono uccidere le cellule in modi totalmente nuovi: i catalizzatori chemioterapici, in particolare quelli con proprietà immunogeniche, potrebbero fornire una svolta”.

I risultati degli esperimenti del team sono pubblicati questa settimana sulla rivista Nature Chemistry.

Una nuova strada da esplorare

L’ultima sostanza chimica di laboratorio di interesse è JPC11, un composto di organico-osmio. Questo prodotto chimico è riutilizzabile, il che significa che può attaccare il cancro un certo numero di volte.

Una volta nel corpo, JPC11 viene attivato da una “dose non tossica di formiato di sodio”, un composto presente in natura che si trova nelle formiche e nelle ortiche.

JPC11 altera le cellule tumorali interferendo con i processi metabolici vitali. Le cellule tumorali richiedono energia per dividersi rapidamente e derivano dal piruvato. JPC11 trasforma il piruvato in un lattato innaturale che le cellule cancerogene non possono usare, uccidendole efficacemente.

Poiché una singola dose di JPC11 attacca ripetutamente il cancro, si spera che questo tipo di tecnologia possa portare a trattamenti che richiedono dosi complessive più basse, riducendo così al minimo gli effetti collaterali.

Un altro vantaggio di JPC11 rispetto al trattamento tradizionale è che colpisce specificamente le cellule tumorali, lasciando il tessuto sano relativamente intatto.

Questo è un passo significativo nella lotta contro il cancro: manipolare e applicare una chimica ben consolidata in un contesto biologico fornisce una strategia altamente selettiva per uccidere le cellule tumorali”.

Dr. James Coverdale, Dipartimento di Chimica dell’Università di Warwick

“Abbiamo scoperto”, aggiunge il dott. Coverdale, “che il chemo-catalizzatore JPC11 ha un meccanismo d’azione unico – e speriamo che questo porterà a trattamenti più efficaci, selettivi e più sicuri in futuro.”

L’importanza della manualità

JPC11 raggiunge le sue capacità di uccidere il cancro intromettendosi nella simmetria molecolare, che altrimenti è conosciuta come la mano o la chiralità.

chiralita

Un esempio di manualità molecolare in un amminoacido generico.

Due sostanze chimiche possono essere costruite nella stessa forma con gli stessi atomi, ma essere un’immagine speculare e rispondere in modo diverso in determinate situazioni chimiche.

Un certo numero di composti biologici – enzimi, proteine ​​e DNA, per esempio – vengono consegnati e funziona solo la mano corretta. Nello stesso modo in cui un guanto destro non si adatta alla mano sinistra, la mano di una molecola cambia la sua proprietà.

Quando il formiato di sodio, il composto dell’ortica pungente, interagisce con JPC11, produce molecole di una mano specifica, alterando il modo in cui le cellule tumorali crescono.

Come spiega la dottor Coverdale, “la” prontezza “delle molecole è fondamentale nel corpo: le nostre mani sono quasi identiche, ma sono immagini speculari l’una dell’altra”.

“Lo stesso può essere vero per le molecole”, aggiunge, “e in alcuni casi, avere la molecola dalla mano sbagliata può avere profonde conseguenze biologiche. Crediamo che la manipolazione della” prontezza “delle molecole nelle cellule possa fornire una nuova strategia per combattere le malattie. ”

Come con qualsiasi farmaco sperimentale, è necessario molto lavoro prima che possa essere usato nei pazienti. Il professor Sadler è fiducioso che il team di University of Warwick sia in una buona posizione per spingerlo avanti.

“Ci vorrà del tempo per passare dal laboratorio alla clinica, ma siamo fortunati ad avere un team internazionale di talento, entusiasta, che lavora con i colleghi del Warwick Cancer Research Center oltre i confini della biologia chimica, cellulare e dei sistemi, e medicina del cancro che sono determinati a riuscire. “

Qualsiasi scoperta in oncologia produce interesse per la comunità medica in generale, e questo progresso non è diverso. Il team spera che la manipolazione della manualità delle molecole possa offrire una strategia completamente nuova per combattere le malattie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...