L’HIV potrebbe essere trattato con una pillola a settimana. farmajet news

farmajet gennaio 2018

La terapia per l’HIV comporta una combinazione di farmaci che devono essere assunti una o due volte al giorno, rendendo l’aderenza al trattamento difficile per molte persone. Ma i ricercatori potrebbero aver trovato una soluzione a questo problema, sotto forma di una pillola che deve essere presa solo una volta alla settimana.
hiv1

I ricercatori hanno sviluppato una pillola per l’HIV che dovrebbe essere presa solo una volta alla settimana.

I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e del Brigham and Women’s Hospital – entrambi con sede a Boston, MA – hanno sviluppato una capsula ingeribile che può rilasciare lentamente 1 settimana di farmaci antiretrovirali.

La creazione di romanzi del team ha il potenziale per trasformare la terapia dell’HIV, poiché significa che le persone possono aver bisogno di assumere una sola pillola una volta alla settimana, piuttosto che più farmaci ogni giorno.

Il coautore dello studio Robert Langer, David H. Koch Institute Professor al MIT, ei suoi colleghi ritengono che il loro “pillbox in a capsule” possa combattere l’attuale problema di aderenza alla terapia antiretrovirale; la ricerca ha indicato che fino al 30 per cento delle persone con HIV non riescono ad attenersi al loro regime di trattamento.

Langer ed i suoi colleghi hanno recentemente riportato i dettagli della loro nuova creazione sulla rivista Nature Communications .

HIV e terapia antiretrovirale

L’HIV è un virus che attacca e distrugge le cellule immunitarie che sono importanti per allontanare infezioni e malattie. Se non trattata, l’HIV può progredire verso l’ AIDS , in cui il sistema immunitario di una persona è così gravemente danneggiato da diventare vulnerabile a malattie gravi.

Nel 2016, ci sono stati circa 36,7 milioni di persone in tutto il mondo che vivono con l’HIV o l’AIDS. Di questi individui, circa 1,8 milioni sono stati recentemente infettati.

Solo 30 anni fa, l’HIV era considerato da molti come una condanna a morte. Oggi il virus può essere gestito con successo con farmaci antiretrovirali, che agiscono riducendo il livello di HIV nel corpo.

Una combinazione di diversi farmaci antiretrovirali deve essere assunta ogni giorno affinché il trattamento abbia successo, ma i pazienti possono trovare difficile attenersi a un tale regime.

“Uno dei principali ostacoli al trattamento e alla prevenzione dell’HIV è l’aderenza”, osserva il coautore dello studio Giovanni Traverso, del Koch Institute for Integrative Cancer Research del MIT. “La capacità di rendere le dosi meno frequenti sta per migliorare l’aderenza e avere un impatto significativo a livello del paziente”.

“Questi sistemi di dosaggio a lento rilascio sono uguali o migliori delle attuali dosi giornaliere per il trattamento dell’HIV in modelli preclinici”, aggiunge.

Costruire il “fortino in una capsula”

Con questo in mente, i ricercatori hanno deciso di basarsi su un’idea che è emersa per la prima volta nel 2016, che era una capsula ingerita che poteva rimanere nello stomaco per 2 settimane e fornire farmaci.

In uno studio precedente , Langer ei suoi colleghi hanno dimostrato come la capsula potrebbe aiutare a curare la malaria rilasciando lentamente dosi controllate di ivermectina.

Per il loro ultimo studio, il team ha esaminato se la capsula potesse essere efficace per il trattamento dell’HIV, ma sono stati necessari alcuni cambiamenti di progettazione.

La capsula originale consisteva di sei braccia fatte di un polimero singolo, forte. Ogni braccio era carico di droga e ripiegato. Dopo l’ingestione, le braccia si ripiegarono e rilasciarono i farmaci.

Per il trattamento dell’HIV, tuttavia, la capsula avrebbe bisogno di essere in grado di rilasciare diversi farmaci a tassi diversi – qualcosa che il disegno originale non consentiva.

Come tale, il team ha adattato il design. La struttura principale della nuova capsula è ancora costruita da un singolo polimero potente, ma ognuno dei sei bracci può contenere un farmaco diverso, grazie all’aggiunta di “polimeri a rilascio”.

“In un certo senso, è come mettere un portapillole in una capsula, ora hai le camere per ogni giorno della settimana su una singola capsula”, dice Traverso.

Pillola efficace nei maiali

Per verificare se la capsula di nuova concezione potesse essere efficace contro l’HIV, i ricercatori l’hanno caricata con tre diversi farmaci antiretrovirali – dolutegravir, rilpivirina e cabotegravir – che sono attualmente utilizzati per prevenire e curare l’HIV.

Nel testare la capsula drogata sui maiali, i ricercatori hanno scoperto che la capsula si è depositata con successo nello stomaco degli animali, e gradualmente hanno rilasciato ciascuno dei tre farmaci per un periodo di 1 settimana.

Una volta che tutti i farmaci vengono rilasciati, la capsula si disintegra, permettendole di passare attraverso il tratto gastrointestinale.

Naturalmente, la capsula deve essere testata negli esseri umani prima di poter essere utilizzata per la prevenzione e il trattamento dell’HIV, ma i ricercatori ritengono che i risultati dello studio mostrino delle promesse.

I ricercatori hanno calcolato il potenziale impatto di questa capsula, una volta a settimana, a livello di popolazione, e suggeriscono che la pillola potrebbe aumentare l’efficacia del trattamento preventivo per l’HIV del 20%. Inoltre, circa 200.000-800.000 nuove infezioni da HIV potrebbero essere prevenute in Sudafrica nei prossimi 20 anni.

Commentando i risultati, Anthony Fauci – direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, che ha contribuito a finanziare lo studio – dice: “Una formulazione orale meno invasiva e più invasiva potrebbe essere una parte importante del nostro futuro arsenale per fermare il Pandemia di HIV / AIDS “.

“Sono necessaristrumenti nuovi e migliorati per il trattamento e la prevenzione dell’HIV, insieme a una più ampia implementazione di approcci nuovi ed esistenti, per porre fine alla pandemia dell’HIV così come la conosciamo. Studi come questo ci aiutano ad avvicinarci a raggiungere questo obiettivo”.

Anthony Fauci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...