In che modo lo stress ci fa ammalare? Lo studio fa luce

Lo stress psicologico è un noto fattore di rischio per la malattia, ma in che modo esattamente ci fa ammalare? Un nuovo studio ha fornito alcuni spunti interessanti.
stress1

I ricercatori aiutano a spiegare come lo stress può farci ammalare.

I ricercatori della Michigan State University di East Lansing hanno rivelato come una proteina nota come sottotipo 1 del recettore del fattore di rilascio della corticotropina (CRF1) risponda allo stress inviando segnali a specifiche cellule immunitarie.

Questo fa sì che le cellule immunitarie rilasciano sostanze chimiche che possono scatenare una serie di malattie, tra cui l’ asma , il lupus e la sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

Il coautore dello studio Adam Moeser, del College of Veterinary Medicine della Michigan State University, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sul Journal of Leukocyte Biology .

Tutti noi abbiamo esperienza dello stress, e probabilmente ci siamo ritrovati con malattie indotte dallo stress in un punto o nell’altro. Infatti, secondo il sondaggio Stress in America del 2015, circa il 31% degli adulti negli Stati Uniti riferisce che lo stress ha un’influenza forte o molto forte sulla propria salute fisica.

Ma com’è che lo stress psicologico può renderci fisicamente malati? Per aiutare a far luce, Moeser e colleghi hanno studiato gli effetti dello stress sui mastociti.

Mastociti, CRF1 e stress

I mastociti sono cellule immunitarie che svolgono un ruolo chiave nelle malattie infiammatorie e allergiche, tra cui asma, IBS, anafilassi o grave reazione allergica e lupus.

In risposta agli allergeni – come pollini, acari della polvere o arachidi – i mastociti rilasciano una sostanza chimica chiamata istamina, che funziona per liberare il corpo da questi allergeni. Questo processo è ciò che scatena i sintomi di allergia, compresi gli occhi lacrimosi, il naso che cola e l’ infiammazione delle vie aeree .

Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’attività dei mastociti – un tipo di cellula immunitaria – aumenta in risposta allo stress psicologico, e anche questo può causare malattie.

Quali sono i meccanismi sottostanti per questa risposta allo stress, però? Questo è ciò che Moeser e i suoi colleghi hanno cercato di scoprire.

Per il loro studio, i ricercatori hanno esaminato due gruppi di topi: uno che aveva normali recettori CRF1 sui loro mastociti e uno che mancava nei recettori CRF1.

CRF1, noto anche come ormone rilasciante corticotropina, è un peptide coinvolto la risposta del corpo allo stress.

Nello studio, entrambi i gruppi di topi sono stati esposti a stress psicologico e stress allergico, in cui il sistema immunitario diventa iperattivo.

CRF1 ‘criticamente coinvolto’

I ricercatori hanno scoperto che i topi con normali recettori CRF1 sui loro mastociti hanno riscontrato un aumento dei livelli di istamina in risposta a entrambe le condizioni di stress, e questo ha portato alla malattia.

Tuttavia, i roditori che mancavano di recettori CRF1 hanno dimostrato bassi livelli di istamina in risposta allo stress e hanno sperimentato meno malattie. I topi che mancavano di recettori CRF1 vedevano una riduzione del 54% nella malattia in risposta allo stress allergico e un calo del 63% nella malattia in risposta allo stress psicologico.

Secondo Moeser, questi risultati mostrano “che il CRF1 è coinvolto in modo critico in alcune malattie iniziate da questi fattori di stress.”

“I mastociti”, spiega, “diventano altamente attivati ​​in risposta a situazioni stressanti che il corpo sta vivendo”.

“Quando questo accade”, continua a dire, “CRF1 dice a queste cellule di rilasciare sostanze chimiche che possono portare a malattie infiammatorie e allergiche come la sindrome dell’intestino irritabile, l’asma, le allergie alimentari pericolose per la vita e le malattie autoimmuni come il lupus. ”

Mentre sono necessari ulteriori studi, il team ritiene che i risultati potrebbero aprire la porta a nuovi trattamenti per le malattie indotte dallo stress.

“Sappiamo tutti che lo stress influenza la connessione mente-corpo e aumenta il rischio per molte malattie”, afferma Moeser. “La domanda è, come?”

Questo lavoro è un passo in avanti critico nella decodifica di come lo stress ci fa ammalare e fornisce un nuovo percorso target nella mast cell per le terapie per migliorare la qualità della vita delle persone affette da malattie correlate allo stress.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...