Come i batteri dell’intestino possono proteggerti dal cancro

farmajet gennaio 2018

Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Communications , mostra come la nostra dieta influenza i batteri nel nostro intestino, i quali, a loro volta, possono alterare il comportamento dei nostri geni e il rischio di cancro.
gut1

I batteri buoni nel nostro intestino offrono una barriera protettiva contro i virus dannosi, ma possono anche influenzare il comportamento dei nostri geni.

Secondo il National Cancer Institute (NCI), il cancro del colon-retto è il quarto tipo di cancro più comune , dopo seno, polmone e prostata.

Nel 2017, l’NCI ha stimato 135.430 nuovi casi di questo cancro, con oltre 50.000 persone che muoiono a causa della malattia.

Il legame tra i batteri intestinali e il rischio di cancro del colon-retto ha ricevuto sempre più attenzione negli ultimi anni.

Ad esempio, all’inizio dell’anno scorso, Medical News Today ha riportato uno studio che mostra come diverse diete alterano i batteri nelle nostre viscere – il che, a sua volta, influenza il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto.

Una nuova ricerca approfondisce la nostra comprensione della connessione tra i batteri intestinali e il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto e varie infezioni.

Il nuovo studio – condotto dal dott. Patrick Varga-Weisz, del Babraham Institute di Cambridge, nel Regno Unito – mostra come i batteri intestinali possono influenzare i geni, che quindi influenzano il rischio di malattia.

Il Dr. Varga-Weisz e il team hanno condotto esperimenti con topi e cellule di coltura umana, concentrandosi sul ruolo delle molecole chiamate acidi grassi a catena corta (SCFA) nella prevenzione delle malattie.

Gli SCFA sono prodotti da batteri intestinali durante la digestione di frutta e verdura. Possono spostarsi dai batteri dell’intestino alle nostre cellule di rivestimento dell’intestino, influenzando i nostri geni e il comportamento delle nostre cellule.

Come gli SCFA aiutano a regolare l’attività dei geni

I ricercatori hanno usato gli antibiotici per ridurre i batteri nelle budella dei topi e hanno analizzato i loro campioni fecali e le cellule dal loro epitelio intestinale – cioè il rivestimento all’interno del loro intestino tenue.

Il Dr. Varga-Weisz e il suo team hanno aggiunto gli SCFA alle cellule di cancro del colon umano e hanno scoperto che aumentavano le crotonilazioni , che sono modificazioni proteiche che possono attivare o disattivare i geni.

Queste crotonilazioni sono state prodotte inibendo una proteina chiamata HDAC2. Precedenti studi hanno dimostrato che un elevato numero di proteine ​​HDAC2 può aumentare il rischio di cancro del colon-retto.

gut2

Inoltre, i topi privi di batteri hanno mostrato un alto numero di proteine ​​HDAC2.

Frutta e verdura sono fondamentali per produrre gli SCFA e gli SCFA aiutano a regolare le crotonilazioni.

Quindi, i risultati, spiegano i ricercatori, suggeriscono che la regolazione della crotonia nel genoma delle cellule intestinali può prevenire il cancro e che una dieta sana di frutta e verdura è fondamentale per questa prevenzione.

I risultati offrono un nuovo target per i farmaci antitumorali

L’autrice del primo studio Rachel Fellows spiega: “Gli acidi grassi a catena corta sono una fonte di energia chiave per le cellule nell’intestino, ma abbiamo anche dimostrato che influenzano la crotonilazione del genoma. La crotonilazione si trova in molte cellule ma è particolarmente comune nell’intestino “.

Continua: “Il nostro studio rivela perché questo è il caso identificando un nuovo ruolo per HDAC2, che a sua volta è implicato nel cancro e offre un nuovo interessante target di farmaci da studiare ulteriormente”.

Il Dr. Varga-Weisz afferma: “Il nostro intestino è la casa di innumerevoli batteri che aiutano nella digestione di alimenti come le fibre vegetali, fungono anche da barriera ai batteri nocivi ed educano il nostro sistema immunitario. una parte fondamentale di questi processi. ”

“Ilnostro lavoro illumina come gli acidi grassi a catena corta contribuiscano alla regolazione delle proteine ​​che impacchettano il genoma e, quindi, influenzano l’attività dei geni”.

Dr. Patrick Varga-Weisz

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...