Carne rossa: buona o cattiva per la salute? Farmajet news

Pubblicato da Farmajet gennaio 2018

tempo di lettura 3 minuti
La carne rossa contiene numerose vitamine e minerali che sono essenziali per una dieta sana ed equilibrata. Negli ultimi anni, tuttavia, la sua reputazione è stata gravemente danneggiata, con studi che hanno suggerito che l’assunzione di carne rossa può aumentare il rischio di cancro e altre malattie. Ma è davvero così male per noi? Indaghiamo.
carne 1

L’assunzione di carne rossa negli Stati Uniti è diminuita drasticamente negli ultimi 4 decenni.

La carne rossa è definita come qualsiasi carne che proviene da muscoli dei mammiferi. Questo include carne di manzo, agnello, maiale, capra, vitello e montone.

Per molte famiglie, la carne rossa è considerata un alimento base, con alcuni di noi che consumano carne di manzo, agnello e maiale in diverse varianti su base giornaliera.

L’anno scorso, si stima che la persona media negli Stati Uniti abbia consumato circa 106,6 chili di carne rossa. Anche se questo potrebbe sembrare un alto apporto, si tratta di una significativa riduzione rispetto alla media di 145,8 libbre consumate pro-capite nel 1970.

Negli ultimi 10 anni, il consumo di carne rossa è diminuito di circa 10 sterline a persona, con il 2014 che ha visto il più basso consumo di carne rossa dal 1960, a soli 101,7 sterline a persona.

Ma perché tanti di noi stanno riducendo la carne rossa?

Un passaggio verso i cibi a base vegetale

Secondo un sondaggio Harris del 2016, circa 8 milioni di adulti negli Stati Uniti sono vegetariani o vegani, con la preoccupazione che il benessere degli animali sia il fattore trainante.

Tuttavia, sembra che molti di noi optano per alimenti a base vegetale rispetto ai prodotti a base di carne perché riteniamo che siano più salutari. Il sondaggio Harris del 2016 ha rilevato che il 37%degli adulti statunitensi “sempre” o “a volte” mangiano pasti vegetariani quando mangiano fuori, con il 36% di questi motivi di salute che citano la loro scelta.

Un certo numero di studi ha suggerito che quando si tratta di salute, una dieta a base vegetale è la strada da percorrere. A dicembre 2016, un documento di sintesi dell’Academy of Nutrition and Dietetics ha affermato che una dieta a base di piante può ridurre il rischio di diabete di tipo 2 del 62%, oltre a ridurre il rischio di infarto e ictus .

“Se potessi imbottigliare una prescrizione vegetale, diventerebbe un farmaco di successo durante la notte”, ha commentato la coautrice di carta Susan Levin, del Comitato dei medici per la medicina responsabile a Washington, DC

Non sono solo i benefici per la salute associati alle diete a base vegetale che ci allontanano dalla carne rossa, ma i rischi per la salute che potrebbero derivare dal consumo di carne rossa. Diamo un’occhiata a quali sono alcuni di questi rischi.

Cancro

Quando si tratta di assunzione di carne rossa, il cancro è forse l’implicazione della salute più consolidata.

Nell’ottobre 2015, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato un rapporto in cui si conclude che la carne rossa è “probabilmente cancerogena per gli esseri umani”, il che significa che ci sono prove che può aumentare il rischio di cancro.

Inoltre, l’OMS ha concluso che le carni trasformate – definite come “carne trasformata mediante salatura, cura, fermentazione, fumo o altri processi per migliorare il sapore o migliorare la conservazione” – sono “cancerogene per l’uomo”, il che significa che ci sono prove sufficienti che l’assunzione di carne lavorata aumenta il rischio di cancro.

carne 2

Un alto apporto di carne lavorata è associato a un maggior rischio di cancro del colon-retto, secondo l’OMS.

Per raggiungere queste conclusioni, il gruppo di lavoro dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell’OMS ha esaminato oltre 800 studi che valutano gli effetti delle carni rosse e trasformate su vari tipi di cancro.

Hanno scoperto che ogni porzione di carne lavorata da 50 grammi, che comprende principalmente carne di maiale o di manzo, consumata ogni giorno aumenta del 18% il rischio di cancro del colon-retto.

La IARC ha anche rivelato prove di un legame tra l’assunzione di carne rossa e l’aumento del rischio di tumori del colon-retto, del pancreas e della prostata .

Si pensa che la cottura di carni rosse ad alte temperature – attraverso la frittura o il barbecue, ad esempio – sia ciò che contribuisce ad aumentare il rischio di cancro.

Secondo il National Cancer Institute – una parte del National Institutes of Health (NIH) – la cottura di carni ad alte temperature può portare alla produzione di ammine eterocicliche (HCA) e idrocarburi policiclici aromatici (IPA), che sono sostanze chimiche che sono state mostrate aumentare il rischio di cancro nei modelli animali.

Tuttavia, il rapporto dell’OMS ha concluso che il ruolo degli HCA e degli IPA nel rischio di cancro umano non è stato completamente compreso e dalla loro revisione non sono stati raccolti dati sufficienti per determinare se il modo in cui la carne è cotta influenza il rischio di cancro.

Insufficienza renale

L’insufficienza renale – secondo la quale i reni non sono più in grado di filtrare i prodotti di scarto e l’acqua dal sangue – è stimata a colpire più di 661.000 persone negli Stati Uniti

Il diabete e l’ ipertensione arteriosa sono tra le cause più comuni di insufficienza renale , ma a luglio 2016 uno studio ha suggerito che l’assunzione di carne rossa potrebbe essere un fattore di rischio.

Pubblicato nel Journal of American Society of Nephrology , lo studio ha riportato un legame dose-dipendente tra consumo di carne rossa e rischio di insufficienza renale. Ad esempio, i partecipanti che si trovavano nel più alto 25% dell’assunzione di carne rossa hanno riscontrato un aumento del 40% del rischio di insufficienza renale, rispetto a quelli del 25% più basso.

“I nostri risultati suggeriscono che questi individui possono ancora mantenere l’apporto proteico ma considerare il passaggio a fonti vegetali, tuttavia, se scelgono ancora di mangiare carne, pesce / crostacei e pollame sono alternative migliori alla carne rossa”, dice il coautore dello studio Dr Woon-Puay Koh, della Duke-NUS Medical School di Singapore.

Malattia del cuore

Le malattie cardiache rimangono il killer numero uno negli Stati Uniti, responsabile della morte di circa 610.000 persone nel paese ogni anno.

Una dieta malsana, ricca di grassi saturi e colesterolo , è un noto fattore di rischio per le malattie cardiache. Numerosi studi hanno suggerito che la carne rossa rientra in quella categoria, aumentando il rischio di malattie cardiache e di altre condizioni cardiovascolari.

carne 3

Alcuni studi hanno associato il consumo di carne rossa con malattie cardiache.

Uno studio del 2014 su oltre 37.000 uomini svedesi, ad esempio, ha rilevato che gli uomini che consumavano più di 75 grammi di carne rossa lavorata al giorno avevano un rischio di scompenso cardiaco 1,28 volte maggiore di quelli che ne consumavano meno di 25 grammi al giorno.

Un altro studio, pubblicato nel 2013, ha riportato un’associazione tra l’assunzione di carne rossa e l’aumento del rischio di malattie cardiache, ma questo legame non è stato attribuito al contenuto elevato di grassi saturi e colesterolo della carne rossa.

I ricercatori, della Columbia University di New York, hanno scoperto che i batteri intestinali digeriscono un composto in carne rossa chiamato L-carnitina, convertendolo in un composto chiamato trimetilammina-N-ossido (TMAO).

Nei topi, i ricercatori hanno scoperto che il TMAO ha portato allo sviluppo dell’aterosclerosi , una condizione caratterizzata dall’accumulo di sostanze grasse nelle arterie, che può portare ad infarto e ictus.

Sebbene ci siano numerosi studi che collegano l’assunzione di carne rossa a una cattiva salute del cuore, altre ricerche mettono in discussione questa associazione.

Un recente studio condotto da ricercatori della Purdue University di West Lafayette, IN, ad esempio, ha rilevato che mangiare 3 once di carne rossa tre volte alla settimana non ha portato ad un aumento dei fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

diverticolite

La diverticolite è una condizione per cui l’ infiammazione si verifica in una o più delle sacche che rivestono la parete del colon, che sono chiamate diverticoli.

Questa infiammazione può portare a una serie di gravi complicanze, tra cui ascessi, perforazione del colon e peritonite (infezione e gonfiore nel rivestimento dell’addome).

Mentre le cause specifiche della diverticolite non sono chiare, è stato suggerito che una dieta ricca di fibre può aumentare il rischio di sviluppare la condizione.

All’inizio di questo mese, uno studio pubblicato sulla rivista Gut ha suggerito che mangiare grandi quantità di carne rossa può anche aumentare la probabilità di sviluppare diverticolite .

Rispetto agli uomini che hanno riferito di mangiare piccole quantità di carne rossa, è stato riscontrato che coloro che hanno riferito di mangiare le quantità più elevate hanno un rischio maggiore del 58% di sviluppare diverticolite.

Il rischio era più forte con un’alta assunzione di carne rossa non trasformata, hanno scoperto i ricercatori.

Quanta carne rossa dovremmo mangiare?

Nonostante la schiacciante evidenza dei potenziali rischi per la salute derivanti dall’assunzione di carne rossa, è importante notare che la carne rossa è ricca di sostanze nutritive.

Ad esempio, una porzione di carne macinata cruda da 100 grammi contiene circa il 25% della dose giornaliera raccomandata di vitamina B-3 e il 32% della dose giornaliera raccomandata di zinco.

La carne rossa è anche ricca di ferro eme – che è assorbito meglio del ferro derivato dalle piante – vitamina B-6, selenio e altre vitamine e minerali.

Tuttavia, sulla base delle prove fornite fino ad oggi, le linee guida sulla salute pubblica raccomandano di limitare il consumo di carne rossa.

L’American Institute for Cancer Research, ad esempio, consiglia di consumare non più di 18 once di carni rosse cotte ogni settimana per ridurre il rischio di cancro, mentre le carni lavorate dovrebbero essere evitate completamente.

Tuttavia, mentre le linee guida dietetiche 2015-2020 per gli americani raccomandano di ridurre l’assunzione di carne rossa, non specificano un limite giornaliero.

Secondo il Dr. Christopher Wild, direttore della IARC, il rapporto del 2015 che collega l’assunzione di carne rossa a un aumento del rischio di cancro sostiene le raccomandazioni di salute pubblicaper limitare il consumo di carne rossa.

Tuttavia, osserva che la carne rossa ha un valore nutritivo e che questo dovrebbe essere considerato nella ricerca futura “al fine di bilanciare i rischi ei benefici del consumo di carne rossa e carne lavorata e di fornire le migliori raccomandazioni dietetiche possibili”.

armocolest

ABBASSA IL COLESTEROLO NATURALMENTE CON ARMOCOLEST

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...