Sclerosi multipla: l’antiossidante può rallentare la progressione della malattia

Pubblicato da FARMAJET GENNAIO 2018

Una nuova ricerca offre speranza per i pazienti con sclerosi multipla, dopo aver scoperto che un comune antiossidante da banco può aiutare a rallentare la condizione.
alfa1

I ricercatori hanno scoperto che l’acido lipoico riduce l’atrofia cerebrale totale nei pazienti con SPMS.

In uno studio pilota, i ricercatori hanno scoperto che assumere una dose elevata di acido lipoico ogni giorno per 2 anni riduce l’atrofia cerebrale totale tra i pazienti con sclerosi multipla secondaria progressiva (SPMS), rispetto a un placebo .

L’autrice principale dello studio, la dott.ssa Rebecca Spain, della Oregon Health & Science University School of Medicine di Portland, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista Neuroimmunology & Neuroinfiammation .

La sclerosi multipla (SM) è una condizione neurologica progressiva che si stima colpisca più di 2,3 milioni di persone in tutto il mondo.

Nella SM, il sistema immunitario attacca in modo errato la mielina, che è il rivestimento protettivo delle fibre nervose nel sistema nervoso centrale . Ciò interferisce con il segnale nervoso tra il cervello e il midollo spinale, causando debolezza, difficoltà di deambulazione e intorpidimento o formicolio del viso, del corpo o degli arti, tra gli altri sintomi.

La sclerosi multipla recidivante (RRMS) è la forma più comune di SM, in cui un paziente manifesta riacutizzazioni (ricadute), seguite da periodi di pochi o nessun sintomo (remissioni).

La maggior parte delle persone con RRMS progredisce verso SPMS, in cui il danno o la perdita dei nervi peggiora, i sintomi diventano più gravi e i periodi di remissione diventano meno frequenti.

Attualmente non esiste una cura per SPMS, ma esistono terapie modificanti la malattia che possono aiutare a rallentare la progressione della malattia.

La dott.ssa Spagna e colleghi suggeriscono che l’acido lipoico – un antiossidante naturale che è disponibile come integratore da banco – potrebbe essere un trattamento efficace per l’SPMS, dopo aver scoperto che ha contribuito a ridurre il tasso di atrofia cerebrale completa tra i pazienti con la condizione.

L’acido lipoico ha sovraperformato l’ocrelizumab

L’atrofia del cervello intero si riferisce alla riduzione del volume totale del cervello dovuta alla perdita di neuroni ed è considerato un marker della progressione della SM.

Per il loro studio randomizzato, in doppio cieco, il Dott. Spain e il team hanno arruolato 51 adulti di età compresa tra i 40 ei 70 anni, a tutti i quali era stata diagnosticata la SPMS.

Un totale di 27 partecipanti sono stati randomizzati a ricevere 1.200 milligrammi di acido lipoico ogni giorno per 2 anni, mentre i restanti 24 soggetti hanno ricevuto un placebo.

Il volume del cervello di ciascun partecipante è stato valutato alla base dello studio utilizzando la risonanza magnetica . Anche le scansioni MRI sono state condotte ogni anno in seguito, al fine di individuare eventuali cambiamenti nel volume cerebrale dei soggetti.

Rispetto ai partecipanti che hanno assunto il placebo, i ricercatori hanno scoperto che coloro che assumevano acido lipoico mostravano una riduzione del 68% del tasso di atrofia cerebrale totale.

A fini comparativi, il team osserva che il farmaco ocrelizumab (marchio Ocrevus) – che è stato recentemente approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento della SM progressiva primaria – ha migliorato l’atrofia cerebrale del 18% negli studi clinici.

Inoltre, il nuovo studio ha rivelato che i partecipanti trattati con acido lipoico hanno sperimentato meno cadute e tempi di cammino migliori, rispetto ai soggetti che hanno ricevuto il placebo.

È importante sottolineare che i ricercatori hanno scoperto che l’acido lipoico era generalmente sicuro e ben tollerato dai partecipanti, con il più comune effetto collaterale di disturbi gastrointestinali.

sm4

Tuttavia, il team avverte che sono necessari ulteriori studi in un numero maggiore di pazienti prima che l’acido lipoico possa essere raccomandato come trattamento sicuro ed efficace per la SM.

Queste sono alte dosi e, anche se sembra sicuro, non sapremo se effettivamente migliora la vita delle persone con SM fino a quando non possiamo replicare i risultati nello studio pilota attraverso una sperimentazione clinica molto più grande”.

Dr. Rebecca Spagna

“Fortunatamente, saremo in grado di rispondere a questa domanda con la partecipazione di volontari gentili”, aggiunge il dott. Spagna.

Utilizzando i risultati del loro studio pilota, i ricercatori stanno attualmente progettando uno studio clinico multisito che dovrebbe iniziare entro la fine dell’anno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...