Le linee guida della vitamina D possono essere cambiate a seguito di un nuovo studio. Farmajet news

Pubblicato da Farmajet Gennaio 2018

Tempo di lettura 2 minuti
Un nuovo studio rileva che, contrariamente alla credenza popolare, la vitamina D-2 e il D-3 non hanno un valore nutrizionale uguale. Con la carenza di vitamina D in aumento, gli autori chiedono un ripensamento delle linee guida ufficiali.
vitamina d1

La carenza di vitamina D sta raggiungendo proporzioni “epidemiche”.

La vitamina D è un nutriente vitale, aiuta l’intestino ad assorbire il calcio mantenendo il calcio e il fosfato alle giuste concentrazioni per sostenere la crescita e il mantenimento dell’osso in buona salute. Senza livelli adeguati nel corpo, le ossa possono diventare fragili e deformi.

Bassi livelli di vitamina D sono stati anche collegati a una serie di altre condizioni, tra cui malattie cardiovascolari e cancro .

La vitamina D non è naturalmente presente in molti alimenti. Invece, la maggior parte del nostro fabbisogno viene sintetizzata nella pelle dopo l’esposizione alla luce ultravioletta proveniente dal sole.

Nonostante l’importanza della vitamina D, molte persone negli Stati Uniti non hanno livelli sufficienti nei loro corpi. Ad esempio, uno studio ha rilevato che complessivamente oltre il 40% della popolazione statunitense era carente di vitamina D. Tanto che alcuni autori hanno indicato la carenza di vitamina D come una pandemia .

Inoltre, in uno studio pubblicato nel 2009, solo il 3% delle persone di colore nel loro campione di migliaia di individui statunitensi aveva i livelli raccomandati di vitamina D, che rappresentano una diminuzione del 9% rispetto ai 20 anni precedenti.

Per questo motivo, sta diventando sempre più importante capire come funziona la vitamina e garantire che il giusto tipo di integratori raggiunga gli individui più a rischio.

Non tutti i tipi di vitamina D sono uguali

Esistono due tipi di vitamina D, noti come D-2 e D-3. Il primo è derivato da fonti vegetali, in particolare i funghi, mentre il secondo proviene da fonti animali.

I due tipi di vitamina D sono molto simili, differiscono solo nella struttura delle loro catene laterali, ed è generalmente accettato che entrambi funzionino allo stesso modo come un supplemento. Infatti, sul sito web del National Institutes of Health , scrivono: “Le due forme sono state tradizionalmente considerate equivalenti”.

Recentemente i ricercatori dell’Università del Surrey nel Regno Unito hanno deciso di verificare se questa credenza diffusa è corretta o meno. Volevano capire quale dei due nutrienti aumenta più efficacemente i livelli di vitamina D nel corpo.

I ricercatori hanno misurato i livelli di vitamina D in 335 donne dell’Asia meridionale e dell’Europa bianca in due periodi invernali. Hanno scelto l’inverno perché, a causa di una riduzione dell’esposizione alla luce solare, i livelli di vitamina D tendono ad essere più bassi in questo momento.

Le donne erano divise in cinque gruppi: quelli che consumavano vitamina D-2 in un biscotto; quelli che consumano vitamina D-3 in un biscotto; quelli che consumano vitamina D-2 in una bevanda a base di succo; quelli che consumano vitamina D-3 in una bevanda a base di succo; e quelli che ricevono un placebo .

Lo studio ha rilevato che la vitamina D-3 era due volte più efficace nell’aumentare i livelli di vitamina D nel corpo come vitamina D-2.

I partecipanti che hanno ricevuto il D-3 in un biscotto hanno aumentato i loro livelli di vitamina D del 74% , mentre quelli che hanno ricevuto la vitamina nel succo hanno visto un aumento del 75%. Quelli che hanno ricevuto D-2 hanno avuto un aumento del 33 e del 34 percento, rispettivamente. Il gruppo placebo ha registrato un calo del 25 percento nello stesso periodo.

Modifiche alle linee guida e ai prodotti

Questi risultati hanno implicazioni per la comunità medica, ovviamente, ma hanno anche un impatto sul settore retail; molte aziende aggiungono vitamina D-2 a bevande e alimenti. Perciò alcuni potrebbero voler pensare alle loro scelte.

Come dice l’autrice principale Laura Tripkovic, “L’importanza della vitamina D nei nostri corpi non deve essere sottovalutata, ma vivendo nel Regno Unito, è molto difficile ottenere livelli sufficienti dalla sua fonte naturale, il sole, quindi noi sapere che deve essere integrato attraverso la nostra dieta. ” Lo stesso si può dire per molte parti degli Stati Uniti

Continua: “I nostri risultati mostrano che la vitamina D-3 è due volte più efficace del D-2 nell’aumentare i livelli di vitamina D nel corpo, il che trasforma il pensiero corrente sui due tipi di vitamina D sulla sua testa”.

Coloro che consumano D-3 attraverso integratori di pesce, uova o vitamina D-3 hanno il doppio delle probabilità di aumentare il loro stato di vitamina D rispetto a quando consumano cibi ricchi di vitamina D-2, come funghi, vitamina D-2- pane fortificato o integratori contenenti vitamina D-2, contribuendo a migliorare la loro salute a lungo termine. ”

Dott.ssa Laura Tripkovic

La carenza di vitamina D sembra essere molto diffusa e, man mano che vengono condotte ulteriori ricerche, diventa sempre più chiaro che questo deficit nutrizionale sta avendo un impatto significativo sulla salute del paese nel suo complesso. Studi come questo possono avere un ruolo nel migliorare la consapevolezza e, alla fine, invertire la tendenza.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTERS DI FARMAJET 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...