Come i videogiochi influenzano il cervello. Farmajet news

Come i videogiochi influenzano il cervello

Pubblicato da Farmajet 
tempo di lettura 3 minuti
Il videogioco è chiaramente una forma di intrattenimento popolare, con i videogiocatori che spendono collettivamente 3 miliardi di ore alla settimana davanti ai propri schermi. A causa del loro uso diffuso, gli scienziati hanno studiato il modo in cui i videogiochi influenzano il cervello e il comportamento. Questi effetti sono positivi o negativi? Esaminiamo le prove.
play1
C’è una crescente ricerca focalizzata sull’impatto dei videogiochi sul cervello.

A colpo d’occhio, più di 20 milioni di persone in Italia giocano regolarmente ai videogiochi o per almeno 3 ore alla settimana. Il giocatore italiano  medio è un adulto di 30 anni, con il 72% di giocatori di età pari o superiore a 18 anni. Per l’uso dei videogiochi da parte dei bambini, la maggior parte dei genitori – il 71% – indica che i videogiochi hanno un’influenza positiva sulla vita dei loro figli.

Le vendite di videogiochi continuano ad aumentare di anno in anno. Nel 2016, l’industria dei videogiochi ha venduto oltre 24,5 miliardi di giochi , in crescita da 23,2 miliardi nel 2015 e 21,4 miliardi nel 2014.

I primi tre best-seller videogiochi del 2016 erano Call of Duty: Guerra Infinita , Battlefield 1 , e Grand Theft Auto V . Questi giochi cadono nello sparatutto in prima persona o nei generi di azione-avventura – i due migliori generi, che rappresentano rispettivamente il 27,5% e il 22,5% delle vendite. Sparatutto in prima persona e generi d’azione sono spesso accusati di agitazione aggressiva e di causare violenza e dipendenza .

Decenni di ricerche che hanno esaminato videogiochi e violenza non sono riusciti a raggiungere il consenso tra gli scienziati. Gli scienziati non sono stati in grado di trovare un nesso causale tra la riproduzione di videogiochi e atti di violenza nel mondo reale.

Videogiochi e cambiamenti cerebrali

Un numero crescente di prove, tuttavia, dimostra che i videogiochi possono influenzare il cervello e, inoltre, causare cambiamenti in molte regioni del cervello.

play 2

I dipendenti del gioco hanno cambiamenti funzionali e strutturali nel sistema di ricompensa neurale.

Gli scienziati hanno recentemente raccolto e riassunto i risultati di 116 studi scientifici per determinare in che modo i videogiochi possono influenzare il nostro cervello e i nostri comportamenti. I risultati della loro revisione sono stati pubblicati su Frontiers in Human Neuroscience .

“I giochi sono stati talvolta elogiati o demonizzati, spesso senza dati reali a sostegno di tali affermazioni.Inoltre, il gioco è un’attività popolare, quindi tutti sembrano avere opinioni forti sull’argomento”, afferma Marc Palaus, primo autore della rivista.

Guardando tutte le ricerche fino ad oggi, Palaus e il team hanno cercato di osservare se fossero emerse tendenze riguardo al modo in cui i videogiochi influenzano la struttura e l’attività del cervello. Un totale di 22 studi esaminati ha esplorato i cambiamenti strutturali nel cervello e 100 studi hanno analizzato i cambiamenti nella funzionalità e nel comportamento del cervello.

I risultati degli studi indicano che giocare ai videogiochi non solo cambia il modo in cui i nostri cervelli eseguono, ma anche la loro struttura.

Ad esempio, l’uso di videogiochi è noto per influenzare l’attenzione. Gli studi inclusi nella revisione mostrano che i giocatori di videogiochi presentano miglioramenti in diversi tipi di attenzione, tra cui un’attenzione sostenuta e un’attenzione selettiva. Inoltre, le regioni del cervello che svolgono un ruolo nell’attenzione sono più efficienti nei giocatori rispetto ai non-giocatori, e richiedono meno attivazione per rimanere concentrati su compiti impegnativi.

Le prove dimostrano anche che giocare ai videogiochi aumenta le dimensioni e la competenza di parti del cervello responsabili delle abilità visuospaziali – la capacità di una persona di identificare le relazioni visive e spaziali tra gli oggetti. In giocatori a lungo termine e persone che si erano offerte volontarie per seguire un piano di allenamento per videogiochi, l’ippocampo destro è stato ingrandito.

I ricercatori hanno scoperto che i videogiochi possono creare dipendenza, un fenomeno noto come “disturbo dei giochi su Internet”.

Nei tossicodipendenti dei giochi, ci sono alterazioni funzionali e strutturali nel sistema di ricompensa neurale – un gruppo di strutture associate a sensazione di piacere, apprendimento e motivazione. L’esposizione dei dipendenti dei videogiochi a indizi legati al gioco che causano voglie e il monitoraggio delle loro risposte cerebrali ha messo in luce questi cambiamenti, cambiamenti che si osservano anche in altri disturbi da dipendenza.

“Ci siamo concentrati su come il cervello reagisce all’esposizione ai videogiochi, ma questi effetti non sempre si traducono in cambiamenti reali”, osserva Palaus. La ricerca sugli effetti dei videogiochi è ancora agli inizi e gli scienziati stanno ancora esaminando quali aspetti dei giochi hanno un impatto su quali regioni del cervello e come.

“È probabile che i videogiochi abbiano sia aspetti positivi (sull’attenzione, capacità visive e motorie) sia aspetti negativi (rischio di dipendenza) ed è essenziale abbracciare questa complessità”, prosegue Palaus.

I giochi di brain training sono utili?

Un team di ricercatori della Florida State University ha affermato che le persone dovrebbero essere scettiche nei confronti delle pubblicità che promuovono un aumento delle prestazioni del cervello derivante dai giochi di allenamento del cervello. Hanno detto che la scienza non supporta queste affermazioni.

play3

Giocare ai giochi per l’allenamento del cervello non ha migliorato le capacità cognitive negli anziani.

“I nostri risultati e studi precedenti confermano che ci sono poche prove che questi tipi di giochi possano migliorare la tua vita in modo significativo”, dice Wally Boot, professore associato di psicologia, esperto di declino cognitivo legato all’età.

Le persone hanno sempre più l’impressione che le app per l’allenamento del cervello le salvaguardino dalla perdita di memoria o dai disturbi cognitivi.

I ricercatori hanno verificato se l’utilizzo di giochi per l’allenamento del cervello ha migliorato la memoria di lavoro dei giocatori e quindi migliorato altre capacità cognitive, inclusi ragionamento, memoria e velocità di elaborazione – un processo che gli scienziati chiamano “trasferimento lontano”. Tuttavia, questo non era il caso.

“È possibile insegnare alle persone a diventare molto bravi in ​​compiti che normalmente considererebbero compiti generali di memoria di lavoro: memorizzare 70, 80, anche 100 cifre”, spiega Neil Charness, professore di psicologia e una delle principali autorità sull’invecchiamento e la cognizione.

“Ma queste abilità tendono ad essere molto specifiche e non mostrano molto trasferimento. La cosa di cui gli anziani, in particolare, dovrebbero preoccuparsi è, se riesco ad essere molto bravo nei cruciverba, è che mi aiuterà a ricordare dove sono le chiavi sono? E la risposta è probabilmente no “, aggiunge.

Charness sottolinea che se il tuo obiettivo è migliorare la funzione cognitiva, allora l’esercizio aerobico può essere d’aiuto. Alcune ricerche hanno scoperto che l’attività aerobica piuttosto che l’attività mentale migliora il cervello.

I videogiochi aumentano la memoria

Al contrario, uno studio pubblicato su Nature ha rilevato che attraverso l’uso di un videogioco 3D progettato appositamente, le prestazioni cognitive potrebbero essere migliorate negli anziani e alcuni degli effetti avversi sul cervello associati all’invecchiamento, invertiti.

play4
Una piccola quantità di allenamento cerebrale può invertire il declino cerebrale correlato all’età.

Gli scienziati dell’Università della California di San Francisco (UCSF) chiariscono che questo fornisce una misura del supporto scientifico nell’arena del fitness del cervello – criticata per mancanza di prove – che l’allenamento del cervello può stimolare cambiamenti significativi e duraturi.

Dopo 12 ore di allenamento nell’arco di un mese, i partecipanti allo studio di età compresa tra i 60 e gli 85 anni hanno migliorato le prestazioni del gioco che ha superato quella degli individui di 20 anni che hanno giocato per la prima volta. Inoltre, sono state migliorate altre due aree cognitive significative: memoria di lavoro e attenzione sostenuta. Queste abilità sono state mantenute 6 mesi dopo il completamento della loro formazione.

“La scoperta è un potente esempio di quanto sia plastica il cervello più vecchio”, afferma il dott. Adam Gazzaley, Ph.D., professore associato di neurologia, fisiologia e psichiatria all’Università e direttore del Neuroscience Imaging Center. Il dott. Gazzaley osserva che è incoraggiante che anche un piccolo allenamento del cervello può invertire una parte del declino cerebrale che si verifica con l’età.

Un recente studio condotto da neurobiologi all’Università della California-Irvine (UCI) ha scoperto che giocare a videogiochi 3D può anche aumentare la formazione di ricordi. I partecipanti sono stati assegnati a un gruppo che ha giocato a videogiochi con un ambiente 2-D o un ambiente 3D. Dopo aver giocato i giochi per 30 minuti al giorno per 2 settimane, agli studenti sono stati dati test di memoria che hanno coinvolto l’ippocampo del cervello.

I partecipanti al gruppo 3-D hanno migliorato significativamente i punteggi dei test di memoria rispetto al gruppo 2-D. Le prestazioni della memoria del gruppo 3-D sono aumentate del 12 percento, la stessa quantità delle prestazioni della memoria in genere diminuisce tra 45 e 70 anni.

“In primo luogo, i giochi 3D hanno un paio di cose che i giochi 2D non fanno”, afferma Craig Stark, del Centro per la Neurobiologia dell’apprendimento e memoria dell’UCI. “Hanno molte più informazioni spaziali da esplorare, in secondo luogo sono molto più complesse, con molte più informazioni da imparare, in ogni caso, sappiamo che questo tipo di apprendimento e memoria non solo stimola ma richiede l’ippocampo “.

I videogiochi strategici, in particolare, hanno mostrato risultati promettenti nel migliorare la funzione cerebrale tra gli adulti più anziani e possono fornire protezione contro la demenza e il morbo di Alzheimer .

“Se l’obiettivo è migliorare il controllo cognitivo degli anziani, il ragionamento e le abilità cognitive di ordine superiore e allontanare la demenza e il morbo di Alzheimer il più a lungo possibile, allora forse i giochi di strategia sono la strada da percorrere”, informa Chandramallika Basak, assistente professore presso il Centro per la longevità vitale e la scuola di scienze del comportamento e del cervello presso l’Università del Texas a Dallas.

Basak, come Charness, concorda sul fatto che l’allenamento cognitivo dovrebbe venire in secondo piano rispetto ai programmi di attività fisica quando si tratta di migliorare la funzione cognitiva. I programmi di fitness fisico sono stati collegati con effetti positivi sulla cognizione e la funzione e la struttura del cervello.

Ci sono prove che suggeriscono che i videogiochi possono essere una valida terapia per la depressione e migliorare la memoria e l’umore negli adulti con lieve deficit cognitivo.

L’effetto dei videogiochi sul cervello è una nuova area di ricerca che continuerà ad essere esplorata. Potremmo semplicemente raschiare la superficie del potenziale che i videogiochi potrebbero presentare nel migliorare le capacità cognitive e prevenire i disturbi cognitivi.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...